Una politica della prevenzione nel progetto dei Sistemi Sanitari Regionali

Valentino Patussi, Nicola Delli Quadri

L’organizzazione del sistema della prevenzione non può prescindere da un percorso di confronto con le professionalità presenti nelle aziende sanitarie, le Istituzioni presenti sul territorio ed i portatori di interesse tra la popolazione.
Tale confronto appare molto importante, poiché la conoscenza della realtà, delle problematiche esistenti e la proposizione di linee di miglioramento non possono non basarsi su chi opera quotidianamente nel Servizio Sanitario. Spetta poi ai decisori politici mettere a confronto questa conoscenza con le istanze del territorio per giungere ad una corretta pianificazione, in funzione anche degli indirizzi derivanti dalla pianificazione a livello nazionale.

Molto spesso, purtroppo, le “riforme sanitarie” si sono basate sul lavoro di un limitatissimo numero di esperti, talvolta neppure conosciuti agli operatori e dirigenti delle Aziende Sanitarie, spesso neppure operanti nelle specifiche aree per le quali hanno definito regole e lineamenti organizzativi.

E se ciò può essere plausibile in una logica nazionale, ove necessariamente il confronto tra le diverse ipotesi deve essere condotto all’interno di un gruppo tecnico di altissimo livello, necessariamente ristretto, a livello locale la costruzione di un sistema deve partire anche dal coinvolgimento dei soggetti che dovranno interpretarlo operativamente.
Questa nota vuole costituire una riflessione sul contesto in cui gli operatori del Servizio Sanitario si trovano ad operare nei nostri giorni, a fronte degli importanti cambiamenti socio-economici e culturali in atto.


Continua a leggere in Pdf
Torna all’indice

©2021 TendenzeNuove.it - Passoni Editore srl

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti