Il valore della qualità di vita e della percezione del malato: l’esperienza dell’oncologo clinico

Camillo Porta,
IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia


Quando la qualità di vita diventa fattore di scelta terapeutica in oncologia? Ad oggi, la risposta più onesta che si può dare a questo quesito è: mai… o quasi.
Ma procediamo con ordine, e cerchiamo di capire come mai, al momento, non possiamo dare risposte alternative a questo quesito e come, invece, la situazione potrebbe modificarsi nel prossimo futuro.
Come oncologi, tendiamo a valutare gli esiti del nostro agire all’interno di categorie spesso molto rigide; in particolare, nel valutare l’efficacia dei nostri trattamenti, facciamo riferimento a determinanti il più delle volte inequivocabili, come nel caso della sopravvivenza globale (overall survival, OS), facilmente calcolabile e quindi estremamente oggettiva.
Per quanto, soprattutto nell’epoca dei farmaci a bersaglio molecolare, end-points alternativi all’OS (e spesso di essa surrogati) come progression-free survival (PFS) e, soprattutto, risposte obiettive, abbia un po’ perso in termini di riproducibilità e (soprattutto per quanto riguarda le risposte) anche di rilevanza pratica, quando affrontiamo end-points di efficacia, abbiamo solitamente pochi problemi; ci è chiaro cosa vogliamo sapere, come dobbiamo valutare questi end-points e cosa fare di tali informazioni nell’ambito del stro programma terapeutico.
Le cose sono invece decisamente diverse, e me oggettive, allorché si affronta problematiche di tollerabilità.


Continua a leggere in Pdf
  • Tecnologie Digitali per la Salute - Proposta per il Patto per la Salute 2019-2021
    Giuseppe Recchia, Fondazione Smith Kline, Verona
    Il progressivo invecchiamento della popolazione ed il conseguente aumento di malattie croniche e degenerative, in un contesto di risorse sempre più scarse rappresentano la sfida principale per la sostenibilità del sistema sanitario.
    La risposta a tale situazione deve basarsi sia su maggiore efficienza dell’assistenza sanitaria da parte delle istituzioni e dei professionisti e sulla razionalizzazione delle risorse economiche che sullo sviluppo di un nuovo atteggiamento del paziente nei confronti della malattia e sulla terapia....Continua

©2019 TendenzeNuove.it - Passoni Editore srl

Log in with your credentials

Forgot your details?